Stampe, accessori e piante per spazi di lavoro con personalità

L’ufficio contemporaneo si arricchisce di dettagli e accessori decorativi, per acquisire una dimensione più umana e diventare uno spazio di confronto e benessere.

15 luglio 2022

Abbiamo già visto come il lavoro ibrido si sia consolidato in molte aziende, permettendo ai dipendenti di lavorare sia da remoto che in ufficio e sfruttare i vantaggi di entrambe le modalità.
Nonostante gli spazi di lavoro restino il luogo privilegiato per condividere idee e collaborare, a vantaggio della produttività e della socialità, la libertà data dal lavoro da remoto in termini di comodità e ottimizzazione dei tempi è un aspetto che le aziende devono inevitabilmente affrontare.

Questo momento di trasformazione — e di competizione con la flessibilità e comodità degli home office personali — rappresenta una sfida che porta le imprese a intraprendere iniziative che vanno da una diversa gestione del tempo e delle risorse fino a una revisione e una riprogettazione degli spazi di lavoro.

Gli elementi decorativi diventano parte dell’arredo ufficio

Lo studio di progettazione e architettura HOK ha previsto un ritorno della stilizzazione degli spazi, che ha definito Return to Joy.
Secondo lo studio HOK, le due principali correnti stilistiche dello scorso secolo, il modernismo e il minimalismo, hanno reso la stilizzazione qualcosa di superfluo e ornamentale, con un’estetica razionale che enfatizzava gli aspetti legati all’efficienza, a scapito di quelli emozionali. Nel mondo contemporaneo, invece, trascorriamo molte ore di lavoro in solitudine e comunichiamo attraverso la tecnologia, ecco perché diventa necessario «riportare gli ambienti a un senso di calore e vitalità. È il momento di introdurre più gioia attraverso la stilizzazione».

La stilizzazione degli ambienti di lavoro

L’introduzione di elementi decorativi dalla forte carica emozionale è vista come un valido alleato delle aziende per avvicinare gli spazi di lavoro a una dimensione più empatica e quasi domestica, in cui le persone possano riconoscersi e lavorare in modo stimolante.

Aiutare le persone a connettersi con lo spazio circostante attraverso oggetti decorativi è una questione di armonia ed equilibrio, che coinvolge principalmente quattro elementi: arte, oggetti legati alla cultura locale, piante e materiali naturali, elementi esperienziali come grafiche murali, illuminazione, segnaletica, utili a rappresentare e consolidare l’identità di brand.

La presenza di stampe, dipinti, sculture e poster, ad esempio, contribuisce in modo determinante all’estetica di un ambiente. Inoltre, può diventare argomento di conversazione tra colleghi oppure stimolare momenti di riflessione e concentrazione funzionali ai propri compiti.

Per i nostri nuovi uffici abbiamo scelto alcune tra le più celebri stampe del design italiano, le serigrafie di Enzo Mari per Danese.

Le serigrafie di Enzo Mari

Elementi decorativi concettuali ed essenziali, immediatamente riconoscibili.

Enzo Mari era considerato un filosofo del design, la cui lunga carriera è stata caratterizzata da attività di ricerca e critica del design. Le sue stampe realizzate per Danese, La serie della natura e I simboli sinsemantici, fanno parte della sua incursione nella grafica, campo in cui ha esplorato la forma come linguaggio per stimolare i destinatari. Elementi naturali come animali e frutti, oppure segni grafici come frecce e forme geometriche, vengono estrapolati dal loro contesto e riprodotti in serie con la stampa tipografica, che li trasforma in icone senza tempo ed elementi di design altamente evocativi.

Nei mesi scorsi, abbiamo affrontato il tema della presenza del verde negli spazi di lavoro, presentando alcuni elementi di arredo ufficio di design progettati per accogliere piante e vegetazione. Un’altra idea sempre più diffusa sono le pareti di verde verticale, che si inseriscono in modo insolito e contemporaneo in ogni ambiente di lavoro.

Suggerimenti per la stilizzazione

Dare personalità e calore agli spazi di lavoro è possibile anche scegliendo elementi di arredo insoliti, in apparente contrasto con il resto dell’ambiente. Alcuni tra i principali esempi di arredi di carattere sono la poltroncina roteante Spun di Magis e la poltrona Nemo di Driade, le lampade artigianali come la serie Akari Light Sculptures di Vitra o le lampade a sospensione Bonbon di Hay, veri e propri tocchi di creatività che danno ancora più valore e unicità agli ambienti.

Un tocco insolito per gli spazi di lavoro

Accenti di colore e di design per dare subito nuova vita agli ambienti di lavoro.

Fonte: HOK Forward

Vuoi trasformare il tuo ufficio?
Chiedi ai nostri consulenti