Contenitori Lockers, alleati della privacy negli ambienti condivisi

Ambienti smart, condivisi e intercambiabili sono all’ordine del giorno nei nuovi luoghi del lavoro.
Come avere allora uno spazio personale, anche piccolo, a cui poter affidare in tutta sicurezza i nostri oggetti?
I lockers rappresentano la soluzione ideale a questa nuova esigenza.

News, Spazi di lavoro 14 ottobre 2019

Le dinamiche del mondo del lavoro cambiano continuamente, portandoci spesso a svolgere attività in luoghi diversi, dove si rende utile avere uno spazio personale, anche piccolo, a cui poter affidare senza problemi i nostri oggetti.
Una soluzione è rappresentata dai lockers, pratici contenitori posti in punti idonei, che oltre svolgere una finalità pratica sono efficaci soluzioni di arredo dalle proporzioni regolari e sistematiche.
Possiamo immaginare di collocare i lockers in una miriade di spazi: centri commerciali, uffici pubblici, stazioni, aeroporti, ospedali, studi medici, ambulatori, palestre, piscine e altri spazi dedicati allo sport, ristoranti, hotel, edifici scolastici.

Una funzione, diverse combinazioni

I lockers sono sostanzialmente elementi modulari, configurati come piccoli armadi chiusi con anta battente, abbinati in serie di un numero variabile, sia in orizzontale che in verticale.
A seconda delle esigenze l’anta può essere chiusa o dotata di una feritoia, utile per l’inserimento di fogli o documenti.
Per creare effetti particolari si può giocare sugli abbinamenti di colore negli accostamenti o sulla configurazione della serie, in questo modo anche l’ambiente assume un tono decisamente personale.

Ad ogni esigenza la sua serratura

L’apertura della serratura del locker avviene in più modalità.
Naturalmente non si esclude la classica chiave o la combinazione 4-Digit, ma la tecnologia attuale offre sistemi più sofisticati e di agile utilizzo.

Il più vicino al sistema tradizionale è la chiave elettronica con codice alfanumerico. In alternativa, una volta scaricata l’applicazione sullo smartphone, è possibile azionare l’apertura introducendo una chiavetta in tutto simile ad una USB, oppure con apposita card o braccialetto con tecnologia RFID di identificazione automatica.
Senza necessità di dispositivi elettronici, estremamente pratica e personalizzata è l’apertura Finger Print, con sistema biometrico che rileva l’impronta digitale e può riconoscere fino a 50 utilizzatori.

Altro innovativo sistema è quello che non necessita di cablaggio o di connessione a internet e utilizza la tecnologia Bluetooth tramite APP scaricabile su smartphone (disponibile per iOS e Android) o in alternativa QRcode.
Il pomolo viene rilasciato per consentire l’apertura solo nel momento in cui viene attivato dall’utilizzatore tramite APP. In posizione di chiusura rimane a filo anta ed evita danneggiamenti da urti involontari o possibili atti di vandalismo.
Il sistema integrato contiene al suo interno tutta la sua avanzata tecnologia alimentata da una batteria che garantisce 25.000 cicli di apertura o 3 anni in stand-by (la necessaria sostituzione della batteria, viene segnalata da appositi alert). In qualsiasi momento quindi sarà possibile modificare il layout dei Lockers o aggiungerne di nuovi.
Integrabile con le più famose piattaforme di gestione, l’amministratore ha la possibilità di gestire tutte le chiavi digitali (stabilendone tempi e modalità di utilizzo degli utenti) da un’unica APP.